« Marketing e cultura: intervista a Anna D'Amico, manager culturale | Principale | What do you love? di Google »

giovedì, gennaio 12, 2012

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

Alberto Riva

Intervenendo ora trovo una parte del “lavoro” già fatta… Molto interessanti i commenti; mi sembra che senz’altro possiamo pensare a qualcosa del genere anche in Italia.
Sto pensando a riferirla all’ambito B2B e con il concetto del temporary store, ad esempio allestendo per 1 mese tutti i mercoledì pomeriggio uno spazio attrezzato nella nostra azienda, opportunamente trasformato in modo che il logo NON sia invasivo, ove servire qualcosa di buono (caldo e freddo, dolce e salato) e trattare alcuni temi di interesse per le buyer persona che avremo a breve finito di censire, invitate ad essere presenti, frammisti ad alcuni dipendenti della società.
Lo schema dovrebbe facilitare la conversazione fra i soggetti, lo scambio libero di esperienze, far parlare anche i più timidi, ecc. Ma “verba volant”… allora si dovrebbe/potrebbe anche “toccare con mano” i temi di cui si tratta (il ns. impianto industriale, i sistemi di gestione software e hardware, ecc.). E’ disponibile collegamento wi-fi free, schermo con proiettore e collegamento al web, frigobar, …

Cosa ne pensate? Cosa potremmo aggiungere?

Cristina Mariani

@Luciano: anche. Secondo me, si stanno provando idee un po matte (della serie, le ho provate tutte - pubblicità, direct mailing, social media, ora provo anche con il caffè)


@francesco: hai ragione, Next Door è un po vago, però bisogna riconoscere loro il merito di non aver inserito il nome della compagnia assicurativa nellinsegna ma solo in piccolo, sotto il nome del bar (e solo State Farm senza la parola Insurance).
E sul sito il nome della compagnia compare solo in piccolo, nel footer.
Unidea americana? forse.
Ma perchè non pensi sia replicabile da noi? perchè non pensare a qualcosa di simile, che so, in zona Arco della Pace a Milano? Io lo vedrei...e ti dirò, se mi dessero il wifi gratis, ampie poltrone e la possibilità di seguire un corso, ci andrei anche con le mie amiche a ciacolare. Poi tra una ciacola e laltra magari imparo anche qualcosa, mi porto via il depliant, faccio domande stupide che al mio agente non oserei.
Però il caffè dovrebbe essere ottimo e, perchè no, a un prezzo politico.

Luciano

Bellissima e stimolante informazione.
Grazie Cristina!!!

E' forse questo "momento economico" a favorire la messa in campo della creatività, di una maggiore condivisione, di coinvolgimento emotivo?

Francesco Smorgoni

Il sito e' fantastico. Bellissima anche la versione mobile, molto pulita e "trendy". A voler spaccare il capello in 4 (purtroppo ne sono sprovvisto...), il nome del dominio non e' immediato, ma con "next door" non c'era molto da inventarsi...
L'idea, poi, e' molto interessante e molto americana, nel senso che secondo me e' spendibile con piu' facilita' sull'americano medio che sull'italiano medio, probabilmente piu' cinico e propenso a pensare -cui prodest ?>

I commenti per questa nota sono chiusi.

Foto_cristina_mariani

Per ricevere aggiornamenti via mail inserisci il tuo indirizzo email:

Delivered by FeedBurner

Copertina_nuova
COPERTINA_PRICING
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Statistiche fornite da:


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...