« La mia idea importa a qualcuno? I consigli di Gianluca Diegoli (e i miei) | Principale | Corso "Ricerche di mercato low cost" - 9 aprile a Pavia »

martedì, marzo 26, 2013

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

Alberto Riva

Ho finora letto "a sbafo" i vostri commenti, di ognuno dei quali condivido qualcosa.
Nella mia esperienza (dirigente, non consulente nè imprenditore) penso che i consulenti di cui un'azienda dispone siano quelli che l'azienda "si merita"...

Di seguito riporto un giudizio che ho espresso su LinkedIN, riferito ad una persona specifica ma che ben individua il nostro "standard di consulente":
"Xxx è un consulente concreto, che si preoccupa che il suo lavoro non sia "calato dall'alto" ma sia compreso e fatto proprio dalle persone a cui è rivolto.
Xxx dedica impegno e attenzione nel trovare soluzioni contrattuali che soddisfino il cliente, in particolare per un impiego ottimale del tempo (il suo e quello dello staff)."

Diego Barbetta

Certo che sappiamo a chi ti riferisci!

Enrico Tonetto

Io sono del tutto d'accordo con Riccardo Polesel; non è che tutto il bene stia da una parte e tutto il male dall'altra. Spesso l'imprenditore ha la soluzione ai suoi problemi sotto il naso e non la vede perchè ha sempre vissuto nel suo mondo autoreferenziale: i consulenti (ovviamente quelli seri) hanno un compito importantissimo da svolgere e non è vero che se non sono stati nella loro vita imprenditori non servono a niente (a parte il fatto che un consulente è comunque un imprenditore di sè stesso).

Gabriele Ottaviani

Condivido con forza ciò che hai scritto ,è come sentire parlare di figli da chi non li ha .
Un azienda piccola o grande ti catapulta in situazioni e stati d'animo che solo chi la vissuta dal suo stato ebrionale al suo fato , può parlarne con l'enfasi e la convinzione ,sapendo indicare come stare attenti a ciò che appare in un modo ma non è ciò che sembra , oltre ad aver affinato la scelta dei dettagli e dei segnali che sono linfa per la propria attività.

Grazie Cristina

CM

@Riccardo
Seth pone l'enfasi sul sentirsi imprenditore, non puoi sapere cosa vuol dire finchè non l'hai fatto. Ci sono validissimi consulenti (tra cui alcuni con cui collaboro) che non hanno mai fatto l'imprenditore, e lavorano benissimo e in modo efficace; ma io l'imprenditore lo capisco, come dire, nell'animo. So mettermi nei suoi panni perchè ci sono stata.
C'è un'empatia che ci accomuna.
La tremarella, a volte, del fine mese, il pensare ai dipendenti e alla responsabilità che hai nei loro confronti, l'orgoglio quando vedi i tuoi prodotti in vetrina o per strada, l'intuizione che a volte una cosa la sai e la fai ma non sai spiegare il perchè, ma è così e la fai anche se nessuno ti capisce e ti approva, e poi i fatti ti danno ragione (spesso ma non sempre). E anche le facciate le paghi, brucianti, sulla tua pelle, e fanno più male, perchè a fine mese lo stipendio non te lo da nessuno.

Tutte queste cose il non-imprenditore non le ha mai provate. Sono le soft-skills del fare impresa, quelle che ti danno una visione diversa, magari non migliore, ma diversa da quella del dipendente. Io mi sento ancora imprenditrice, è nel mio DNA. Non so come spiegarla, ma è così.

Riccardo Polesel

Cristina, capisco lo sfogo e lo condivido, però non in toto. Avere esperienza di impresa non significa solo essere, o essere stati, imprenditori. Aver collaborato con 50 aziende può essere più utile che averne fondata una per dare consigli. La differenza sta nel saper fare e non solo nel sapere, proprio come dici tu. E, diciamocelo, si vede subito dal progetto: purtroppo le logiche di scelta sono spesso oscure, per non dire illogiche. Tanto per citare Godin, per capirne di musica non è sufficiente essere, o essere stati, musicisti. Per il resto, sono con te al 100% nella lotta contro i venditori di fumo e lo sai.

francesco

Buonasera Cristina. concordo in pieno con le sue parole. spesso sono le stesse persone che con estrema facilità dicono: "l'impresa non rende? allora chiudi!"
certo, si fa presto a parlare..

GianlucaCelli

Parole vere. Cristina. Tra il dire e il fare, c'è di mezzo l'essersi fatto male. Tuttavia, non butterei neanche l'esperienza di chi in azienda ci ha passato gli anni, sporcandocisi le mani. Ovvio che -parlo per vita vissuta- uno che viene da una grande azienda prima di parlare con/per una PMI deve capire che anche se i principi sono simili, l'applicazione è molto diversa e c'è bisogno di molta più pragmaticità. Buona giornata.
Gianluca Celli

I commenti per questa nota sono chiusi.

Foto_cristina_mariani

Per ricevere aggiornamenti via mail inserisci il tuo indirizzo email:

Delivered by FeedBurner

Copertina_nuova
COPERTINA_PRICING
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Statistiche fornite da:


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...