« Come farsi venire le idee: consigli da un esperto | Principale | Seminario gratuito PRICING a Padova 30 novembre 2012 »

lunedì, novembre 26, 2012

Commenti

Feed Puoi seguire questa conversazione iscrivendoti al feed dei commenti a questo post.

Cristina Mariani

Senzaltro Gennaro, in alcuni casi conoscere ogni cliente è impossibile e bisogna segmentare in categorie il più possibile omogenee. Vedi il concetto di Buyer Persona tanto bene espresso da Adele Revella.


grazie per il commento
a presto

Cristina Mariani

Grazie Roberto molto interessante anche il tuo blog sulla zincatura! Lo citerò come esempio di blog aziendale/ personale.


Sui pronomi, mi va bene il NOI basta che non significhi sempre il solito CHI SIAMO DOVE SIAMO COSA FACCIAMO...e che coinvolga in qualche modo anche il cliente


a presto!

gennaro di martino

Sto leggendo un libro di Putman, il quale sostiene invece un ragionamento opposto, di conoscenza del possibile (prossimo) cliente nello specifico. Forse le domande poste da Seth riguardano una fase precedente, che si riferisce al mercato a cui vogliamo rivolgerci...

Roberto

Articolo molto interessante. Concordo sul fatto che bisogna conoscere realmente il cliente e la sua storia. Credo che però la vera chiave di successo sia riuscire a scrivere davvero la parola NOI (venditore e cliente). Il voi mi sembra che ponga ancora la differenzae lòa distanza tra ME (venditore) e VOI (clienti).
Complimenti per questo ottimo blog che seguo sempre con interesse.

Roberto

I commenti per questa nota sono chiusi.

Foto_cristina_mariani

Per ricevere aggiornamenti via mail inserisci il tuo indirizzo email:

Delivered by FeedBurner

Copertina_nuova
COPERTINA_PRICING
Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Statistiche fornite da:


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...